LOREM IPSUM DOLOR

2021

CASTELLO di URIO

PROGRAMMA

Domenica 9 Maggio 

 

Ritrovo dei partecipanti a Carate Urio, all’ingresso del castello, alle ore 14.45; incontro con guida autorizzata e intero pomeriggio dedicato alla scoperta della villa seicentesca detta “Il Castello di Urio”, costruita sui resti di una antica fortificazione, e del suo magnifico parco in uno degli angoli più suggestivi dei primo bacino del Lago.

 

La costruzione della Villa, sorta forse sui resti di un’antica fortificazione, risale al XVI secolo, a opera del conte Porta. Le belle terrazze del parco, con gradinate, balaustre e statue, la distinguono dalle altre dimore signorili del Lario.

Nella storia delle casate che lo possedettero compaiono i nomi di Salazar, dei Della Porta (1730-1784) e poi dei Castelbarco. Nell’Ottocento la villa prese il nome di «castello», dopo che i proprietari, i Melzi d’Eril, fecero elevare a fianco due torrette merlate e attuarono altre decorazioni che conferirono all’edificio l’aspetto di un castello romantico. Vi condussero una brillante vita mondana, con feste da ballo e battaglie navali nel lago antistante. Dopo essere passata a nuovi proprietari e dopo un periodo di decadenza, nel 1871 ne divenne proprietario il barone Richard Ginori, magnate delle ceramiche, che fece sistemare e ampliare definitivamente il giardino, mentre ulteriori restauri furono compiuti dopo il 1903 dalla nuova proprietaria, la signora Isabelle Mac Creery di San Francisco, ma di origine irlandese (nelle cucine del Castello si conservano ancora stoviglie Richard Ginori con la scritta «Isabelle»).

Nel 1947 il Castello di Urio passò nelle mani dello slavo barone Langheim, che intraprese alcuni lavori per ingentilire l’aspetto della facciata eliminandone le merlature e adornandola con un bel fregio centrale, mentre le sue torrette laterali furono in parte demolite e inglobate. Purtroppo il barone, che si servì di ottimi costruttori e decoratori romani, non godeva di prospere finanze e si trovò nelle condizioni di non poter più pagare le maestranze, giungendo al fallimento.

Vari sono stati nel mezzo secolo successivo i lavori di restauro e ampliamento dell’immobile, che hanno però conservato l’aspetto frontale dato da Langheim; sono stati ad esempio edificati ex novo alcuni corpi posteriori, aulette ed alloggi nella Darsena per lo svolgimento di attività complementari e anche il parco è stato ulteriormente sistemato e abbellito.

Nel 1954 il Castello fu acquistato da una società, ADIGI, che lo diede in gestione a un ente culturale milanese, la Fondazione Rui. Dal 2013 la gestione del complesso monumentale è passata all’Associazione Le Magnolie che ha continuato in parte le attività della Fondazione Rui. Il Castello di Urio – struttura creata per lo svago di pochi – si è trasformato nel 1954 in uno strumento di servizio di molti e molte, universitari, professionisti, impiegati, operai, sacerdoti, casalinghe che si alternano in un calendario fittissimo di convegni e di formazione: questa antica villa è divenuta luogo di incontro e di studio per persone di ogni età, condizione sociale, preparazione culturale. Tra le diverse iniziative ospitate al Castello di Urio, particolare rilievo hanno le attività a carattere spirituale, affidate alla Prelatura dell’Opus Dei (testo tratto dal sito www.associazionelemagnolie.it).

 

 

 

SERVIZI

 

Servizi inclusi:

  • Servizio guida Karis 
  • Ingresso al Castello di Urio
  • Organizzazione tecnica
  • Materiale informativo

 

Servizi esclusi:

  • Trasporto per/da Carate Urio
  • Extra di carattere personale
  • Quanto non espressamente specificato nei servizi inclusi 

 

La presente offerta è da ritenersi valida previa accettazione delle condizioni generali

TERMINE ISCRIZIONE E PAGAMENTI

 

QUOTA di PARTECIPAZIONE: 23.- fr / 20 €

 

La visita verrà effettuata per un minimo di 15 persone

Iscrizioni e saldo entro il 29/04

L’escursione verrà effettuata con qualsiasi condizione atmosferica

Eventuali rinunce dopo il saldo comportano la perdita della quota di iscrizione; sono possibili sostituzioni fino al momento della visita, a cura di chi rinunci

 

In collaborazione con MIRABILIA, associazione culturale

 

Facebook
Facebook
Pinterest
Pinterest
LinkedIn
INSTAGRAM
error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. privacy & cookies policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi