LOREM IPSUM DOLOR

31/08

VIAGGIO in CARNIA

PROGRAMMA

 

Le maestose montagne friulane e la storia straordinaria delle Portatrici carniche

 

1° giorno – sabato 31 agosto: TOLMEZZO e MUSEO della GRANDE GUERRA a TIMAU

In mattinata ritrovo dei partecipanti (partenze da Balerna, Como e  Cermenate), incontro con accompagnatrice autorizzata e partenza con pullman privato gran turismo.

Arrivo a Tolmezzo (450 km) e pranzo in ristorante.

Nel pomeriggio incontro con guida locale e passeggiata alla scoperta del centro storico: capoluogo storico della Carnia e “Città Alpina dell’anno 2017”, Tolmezzo è una cittadina con un suggestivo centro storico che tutt’oggi conserva le tracce di un impianto urbano quattrocentesco. La città storicamente appartenne prima ai Patriarchi di Aquileia e poi alleandosi con la signoria veneziana divenne città italiana nel 1866. Delle antiche mura del borgo rimangono ancora scorci ritrovabili nel Borgàt, ossia il centro storico, con la quattrocentesca Chiesetta di Santa Caterina e Casa Janesi, dal quale si può raggiungere con una passeggiata di mezz’ora la Torre Picotta, situata in posizione dominante la vallata sulla sommità del Colle Picotta e ultimo baluardo, assieme alla Porta di Sotto, della Tolmezzo fortificata. Di questo sistema difensivo faceva parte anche il Castello patriarcale, composto da un palazzo e due torri di guardia, di cui però restano poche tracce visibili sul pianoro soprastante la cittadina, chiamato proprio Pracastello: raggiungibile in pochi minuti dal centro cittadino seguendo le antiche mura e da quale si gode di un meraviglioso panorama che spazia fino alle Dolomiti Friulane.

A seguire visita del Museo della Grande Guerra a Timau (25 km).

Infine sistemazione in hotel 3*** a Gemona Venzone (40 km); cena presso il ristorante dell’albergo e pernottamento.

 

 

2° giorno – domenica 1 settembre: GEMONA e VENZONE

Prima colazione e check-out dall’hotel.

Intera mattinata dedicata alla visita guidata di Gemona e Venzone, con guida locale, con pranzo in tipico ristorante in corso di escursione.

 

Ridotta in macerie dal devastante terremoto del 1976, Gemona, probabilmente di origini paleovenete, è considerata il simbolo della rinascita del Friuli dopo il sisma. La città è stata ricostruita pietra su pietra, gli edifici più significativi sono risorti: alcuni secondo l’aspetto originario, altri rifatti ex novo. Gemona ha probabilmente origini paleovenete. Sul vicino monte Cumieli è stato individuato un castelliere risalente al 1300-1100 a.C.; nella zona del territorio comunale denominata Godo sono state trovate testimonianze di un insediamento celtico del VI-V secolo a.C. La prima menzione del sito si deve a Paolo Diacono, che nella Historia Langobardorum scrive di una Castrum Glemonae, indicando probabilmente la fortificazione costruita dai longobardi nel VII secolo. Libera Comunità nel XII secolo, compresa nei territori del patriarca di Aquileia, diventò importante sede di mercato e luogo di dazio. Nelle epoche successive la sua storia continuò a coincidere con quella di tutto il Friuli: veneziano, asburgico e infine, nel 1866, italiano.

 

Alla confluenza delle valli del Tagliamento e del Fella, Venzone è il più significativo esempio di città murata del Friuli. Fondata intorno all’anno Mille, per la sua posizione strategica e di collegamento sulla strada tra la Carinzia e la pianura fu protetta da mura e fossati fin dalla metà del Duecento. Solo pochissime delle costruzioni di Venzone hanno resistito alle scosse di terremoto del 1976. Il borgo, letteralmente raso al suolo, è risorto rapidamente, recuperando l’antico impianto urbanistico e riportando gli edifici all’aspetto che avevano nei secoli precedenti. Le strade sono state pavimentate con grandi lastre di pietra, i fili della corrente elettrica interrati, le insegne al neon bandite. Sono state ricostruite le mura che racchiudono il borgo e si estendono per un perimetro di oltre un chilometro; delle tre torri che le interrompevano, due furono abbattute nell’Ottocento, oggi rimane solo quella di S. Genesio, originaria del 1309.

 

Nel primo pomeriggio partenza per il rientro in Italia (460 km), con arrivo in serata.

 

 

In collaborazione con MIRABILIA associazione culturale

Per informazioni e iscrizioni scrivere a info@karisevents.com

La lettura consigliata

SERVIZI

 

Servizi inclusi

  • Viaggio e trasferimenti con pullman privato gran turismo
  • Due pranzi in ristorante (bevande incluse)
  • Ingressi e visite guidate come da programma
  • Un pernottamento in camera doppia standard in hotel 3***
  • Prima colazione e cena in hotel
  • Pranzi, in tipici ristoranti
  • Bevande ai pasti
  • Assicurazione medico e bagaglio
  • Organizzazione tecnica e materiale informativo

 

Servizi esclusi

  • Extra di carattere personale
  • Ev. mance e facchinaggio
  • Tassa di soggiorno (da pagarsi in hotel)
  • Assicurazione contro l’annullamento (facoltativa))
  • Quanto non espressamente menzionato nei servizi inclusi

 

La presente offerta è da ritenersi valida previa accettazione delle condizioni generali

TERMINE ISCRIZIONE E PAGAMENTI

 

QUOTE di PARTECIPAZIONE

con un minimo di 30 partecipanti: 290.- Fr / €

con un minimo di 25 partecipanti: 320.- Fr / €

 

SUPPLEMENTO per SISTEMAZIONE in CAMERA SINGOLA: 25.- Fr/ €

 

QUOTA PER ASSICURAZIONE FACOLTATIVA CONTRO L’ANNULLAMENTO: su richiesta

(da stipulare contestualmente alla prenotazione)

 

Iscrizioni entro il 20/07

 

 

 

LinkedIn
Share
INSTAGRAM
error: Content is protected !!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. privacy & cookies policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi